Renault Laguna III [3](2007-2015) Problemi, Recensione, Difetti e Informazioni

Renault Laguna III è arrivata sul mercato nel 2007 quando ha sostituito la precedente Renault Laguna 2. Nel 2010 c’è stato il restyling che ha portato leggere modifiche al design, miglioramento dell’abitacolo e modernizzazione degli optional. Modifiche sul pianto tecnico ci sono state più volte durante il periodo di produzione. Nel 2015 è stata sostituita dalla Renault Talisman.

Indice Recensione

Recensione della Renault Laguna 3 III con tutte le informazioni, i difetti, i problemi e i costi di mantenimento

Impressioni, Abitacolo e Confort

Pianale e Carrozzeria

Renault Laguna 3 è una macchina familiare di classe D. La terza generazione è costruita sulla piattaforma Nissan D, che condivide con la Nissan Altima. Il pianale in realtà è un’evoluzione di quello della precedente Laguna II, rispetto al quale vengono usate nuove componenti per le sospensioni. Le molle sono diventate più rigide del 20% all’avantreno e del 50% al retrotreno. Il livello di comfort generale non si è abbassato notevolmente grazie all’utilizzo di componenti ad elevata elasticità.

L’auto è presente in tre versioni di carrozzeria: hatchback (qualcuno la definisce berlina), station wagon e coupé.

La macchina esteticamente è abbastanza bella , specialmente nelle versioni più accessoriate. Però si può sempre migliorare e personalizzare. Un buon metodo è cambiare i cerchioni e per questo abbiamo un articolo che spiega tutto quello che c’è da sapere sui cerchioni

 

Confort e Praticità

Il bagagliaio non è piccolo. Ha una grande capacità (hatchback: 450 l – 1377 l con sedili piegati; station wagon: 510 l – 1595 l) e forme regolari.

La tenuta di strada e la precisione dello sterzo non sono male. Qualcuno però definisce il volante troppo leggero e poco informativo. I modelli più vecchi del produttore francese tendevano ad avere sospensioni morbide e sterzo poco preciso. Laguna III si è allontanata da questa regola. Non si comporta peggio dei suoi concorrenti tedeschi: le sospensioni sono relativamente dure e offrono una buona stabilità. Di conseguenza, affrontare le curve è un piacere, ma le strade in cattivo stato saranno da evitare. Ovviamente la macchina non è estremamente rigida, ma è diventata più rigida rispetto al passato.

Per quanto riguarda la capienza, solo quattro possono viaggiare comodamente. C’è abbastanza spazio per le gambe e per la testa nella parte posteriore. Se un terzo passeggero si siede sul divano posteriore, risulterà poco spazio per le spalle. L’abitacolo è relativamente stretto in larghezza, tipico per le auto di questa classe. I viaggi lunghi non si dovrebbero rivelare troppo stancanti.

UTILE ! Per avere più piacere e meno stanchezza durante la guida è importante avere un aria pulita e piacevole dentro l'abitacolo. Per ottenere questo è importante avere il filtro abitacolo pulito , uno ionizzatore e un buon profumo. Eccone alcuni che consigliamo :
Se avete bisogno di assistenza per accessori o ricambi auto , potete contattarci all’indirizzo autoesperienza@gmail.com
Se vi interessa approfondire l'argomento degli ionizzatori potete leggere il nostro articolo a riguardo

Se volete ricevere ancora più piacere dalla propria auto , potete vedere come rendere la macchina più comoda , piacevole , moderna e pratica

Interni e Optional

in questa foto si vede l'abitacolo della Renault Laguna 3 III con il volante, l'autoradio, i sedili e la plancia/cruscotto

La qualità di assemblaggio è abbastanza buona. La plastica utilizzata all’interno è di buona qualità, ma è più economica rispetto a quella di alcuni concorrenti tedesche. Comunque sia, può durare a lungo se trattata bene. I primi elementi a presentare segni di usura saranno il volante, il pomello del cambio, i sedili e le maniglie delle portiere.

Le plastiche utilizzate all’interno della Renault Laguna possono cominciare a scricchiolare. Il rivestimento in pelle dei sedili non dura tantissimo e inizia a presentare crepe a chilometraggi relativamente bassi (specialmente se l’autista è pesante).

Il design della plancia è piacevole, a qualcuno però non piace (generalmente a quelli che preferiscono le forme più squadrate e spigolose). L’ergonomia è buona, ma bisogna abituarsi all’inizio. L’insonorizzazione è buona per questa classe.

A livello di optional la situazione è abbastanza buona, le Renault Laguna 3 sono generalmente ben dotate. Si può trovare tutto il necessario per un comodo utilizzo quotidiano. Può infastidire il funzionamento del sistema di accesso senza chiave “hands free”, bisogna abituarsi al suo algoritmo.

L’impianto multimediale è nella media, la qualità audio può essere buona se si sceglie il sistema opzionale di punta.

Non su tutte le auto c'è il bluetooth. Quest'ultimo è quasi indispensabile al giorno d'oggi. Potete aggiungerlo facilmente a qualsiasi auto con semplici accessori. Eccone alcuni buoni :
Se avete bisogno di assistenza per accessori o ricambi auto , potete contattarci all’indirizzo autoesperienza@gmail.com
Se volete approfondire l'argomento su accessori multimediali utili potete leggere il nostro articolo dedicato

Sicurezza

Nel test di sicurezza EuroNCAP , Renault Laguna III ha ottenuto 5 stelle su 5 . La sicurezza in caso di incidente è abbastanza buona , ma per diminuire il rischio è bene avere dei buoni pneumatici. I pneumatici sono quasi la cosa più importante per la sicurezza in viaggio. Consiglio di leggere l’articolo che spiega tutto quello che c’è da sapere sulle gomme e pneumatici

 

Affidabilità e Difetti

Cambio e trasmissione

Renault Laguna III può essere dotata di cambio manuale a 6 marce e cambio automatico a 6 marce. Dal 2013, il alcuni paesi è stata proposta con il cambio robotizzato EDC.

Cambio manuale

Il cambio manuale a 6 marce può essere della serie РК4 oppure TL4. Entrambe le versioni sono abbastanza affidabili, se trattate correttamente vivono almeno 200.000 km.

Capitano perdite di olio e può usurarsi nel tempo il meccanismo di selezione delle marce.

Il cambio TL4 ha la prima marcia molto corta, qualcuno preferisce partire direttamente dalla seconda. Su alcuni esemplari poteva avere problemi fin da nuovo a causa del cattivo assemblaggio o dell’insufficiente quantità di olio già di fabbrica. Questi problemi generalmente venivano risolti in garanzia.

Con i motori diesel la frizione potrebbe cedere già a 100.000 km. Verso i 120 – 150.000 km può cedere anche il volano bimassa. Per risparmiare soldi sui lavori, meglio sostituire tutto insieme.

Per allungare la vita del cambio manuale , volano e frizione vedi come trattare correttamente il cambio manuale

 

Cambio automatico

Il cambio automatico a 6 marce AJ0 è di fatto il Jatco JF613E. Non è male come cambio se si fa una manutenzione corretta. E’ progettato per digerire fino a 330 Nm di coppia.

Tra i punti deboli del cambio c’è la frizione del convertitore di coppia e i solenoidi del blocco idraulico. La frizione del convertitore di coppia si usura nel tempo e questo è normale (più la guida è aggressiva e più si usura). Il fatto è che i residui dell’usura finiscono nell’olio. La concentrazione di residui e sporcizia può diventare troppo grande se l’olio viene sostituito raramente e il blocco idraulico soffre (i solenoidi).

Meglio sostituire l’olio ogni 60.000 km (oppure ogni 3 anni) e il cambio vivrà almeno 200.000 km senza dare particolare problemi. In alcuni casi il cambio arriva senza grandi problemi anche a 300.000 km.

Per allungare la vita del cambio automatico vedi come trattare correttamente il cambio automatico

articoli di approfondimento su diversi argomenti di tematica automobilistica

 

Cambio robotizzato

Come già detto, dal 2013 sulla Renault Laguna III si poteva incontrare il cambio robotizzato a doppia frizione EDC 6. Questo cambio a 6 marce è di produzione Getrag, porta il codice 6DCT250 e si può incontrare anche su auto Ford sotto il nome Powershift.

Si tratta di un cambio preselettivo con le cosiddette frizioni a secco, ovvero gli attuatori elettromeccanici sono responsabili del cambio marcia e non esiste un blocco idraulico con solenoidi.

Il punto debole di questa trasmissione è l’unità di controllo elettronica inaffidabile. Molto spesso smette di funzionare a causa del surriscaldamento o delle vibrazioni (ha un cablaggio delicato). Inoltre, l’ECU si può bruciare quando la batteria è scarica.

Un altro grosso difetto di questo cambio è la perdita dai paraolio dell’albero di ingresso. L’olio che fuoriesce può finire sui dischi della frizione che iniziano a slittare. Inoltre, sono possibili perdite dal paraolio dell’assale sinistro a causa delle quali il cambio può rimanere senza olio.

La frizione è progettata dal costruttore per durare circa 120.000 km, ma le partenze brusche e l’utilizzo nel traffico intenso con passaggio costante dalla prima alla seconda marcia riducono la durata di circa la metà. Non c’è niente da fare, bisogna pagare per la sostituzione. Oltre alla frizione con il tempo si usurano il volano e i cuscinetti del differenziale.

E’ consigliabile cambiare l’olio nel cambio almeno ogni 60.000 km. Con un utilizzo corretto il cambio dovrebbe durare almeno 200.000 km prima di avere grandi problemi.

Per allungare la vita del cambio robotizzato vedi come trattare correttamente il cambio robotizzato

 

Sospensioni, Sterzo e Freni

Pur avendo una buona tenuta di strada, Renault Laguna 3 non è dotata di complesse sospensioni. Davanti c’è il classico sistema McPherson, dietro c’è il ponte torcente. Grazie a questo, il mantenimento delle sospensioni non si rivela troppo costoso. C’è da dire che esistono anche versioni più complesse, dotate del sistema 4Control / Active Drive in grado di sterzare tutte e quattro le ruote.

Nelle sospensioni anteriori della Renault Laguna 3 cedono per primi i stabilizzatori. Se le strade percorse sono in cattivo stato, i primi problemi possono comparire già dopo 60.000 km. Per fortuna i prezzi dei ricambi non sono troppo alti.

Gli ammortizzatori anteriori spesso iniziano a battere già dopo 60 – 80 mila km e possono cedere completamente già dopo 100 – 120 mila km. Circa lo stesso chilometraggio riescono a durare i cuscinetti di supporto dei montanti anteriori e i giunti sferici. I cuscinetti mozzo anteriori possono diventare rumorosi dopo circa 100 – 120 mila chilometri.

Le sospensioni posteriori si rivelano più longeve.

 

Sterzo

Nel sistema dello sterzo viene utilizzato un servosterzo idraulico con pompa elettrica, ad eccezione della Laguna III con motore 2.0 dCi, dove viene utilizzato il classico servosterzo idraulico.

Sulle versioni con pompa elettrica può diventare più duro lo sterzo. Questo succede proprio a causa della pompa che comincia a perdere prestazioni.

La cremagliera dello sterzo può cominciare a battere dopo circa 150.000 km. Se si percorrono strade in cattivo stato, anche prima. La riparazione non sempre è possibile, quindi bisognerà trovare una nuova cremagliera.

 

Elettrica ed Elettronica

L’elettronica della Renault Laguna III è tipica per le auto del marchio. Generalmente non ha difetti troppo seri, ma può infastidire con piccoli problemi.

Le luci diurne dei fari allo xeno possono smettere di accendersi a causa del cedimento del contatto. Questo succede a causa del surriscaldamento e dello scioglimento. Successivamente la Renault iniziò a installare elementi più resistenti al calore, ma i casi di fusione capitano ancora.

Il riscaldamento degli specchietti esterni smette di funzionare a causa dell’ossidazione dei contatti. L’ossidazione dei contatti è anche la ragione principale dei guasti del segnale acustico e della luce di stop aggiuntiva.

Sugli esemplari più vecchi, c’è la probabilità di rottura del riscaldamento dei sedili. Su alcuni esemplari può cominciare a funzionare male il display dell’impianto multimediale.

Potrebbe durare poco la batteria originale. Su alcune Renault Laguna III cede già dopo tre anni. L’usura della batteria può portare anche altri malfunzionamenti dell’elettronica. Ad esempio, gli alzacristalli elettrici possono cominciare a bloccarsi e si scopre che devono essere riprogrammati di nuovo – la caduta di tensione influisce su di loro.

In alcuni casi, ci sono malfunzionamenti del sensore di posizione del pedale della frizione. Questi causano problemi con l’avviamento del motore. Fortunatamente, la sostituzione è semplice ed economica.

UTILE !  Per accendere la macchina con batteria scarica si può utilizzare un avviatore d'emergenza. Può essere utile anche nell'utilizzo quotidiano ( magari quando si dimenticano le luci accese e si scarica la batteria o nei periodi freddi in cui la batteria perde efficienza) per accendere velocemente la macchina. Oltretutto si possono utilizzare come grandi powerbank che possono ricaricare tutti i vostri dispositivi mobili in viaggio e fanno anche da torcia. Ecco quelli che consigliamo :
Se avete bisogno di assistenza per accessori o ricambi auto , potete contattarci all’indirizzo autoesperienza@gmail.com

Altro

La carrozzeria della Renault Laguna III è resistente alla corrosione. Se si trovano grandi tracce di ruggine, probabilmente la macchina ha subito incidenti e poi è stata riparata male.

Alcuni proprietari possono avere difficoltà a chiudere e aprire una delle porte anteriori. E’ colpa della guarnizione esterna superiore che va a contatto con il bordo della portiera posteriore. Un problema simile può comparire anche sulla portiera del bagagliaio. Nel tempo, il limitatore di apertura delle portiere si consuma e quando queste vengono aperte, si sente un forte rumore. Per eliminare il difetto è necessario sostituire il rullo del limitatore.

Possono cominciare a funzionare male (già dopo 5 anni di vita) le serrature delle portiere e del coperchio serbatoio. Con il tempo si usurano le lenti dei fari anabbaglianti e i vetri dei fendinebbia.

Sulle versioni a benzina della Laguna, ci possono essere guasti alla pompa del carburante dovuti all’usura dei contatti. In più, la pompa può essere danneggiata anche dalla deformazione del serbatoio. Questo può capitare a causa della cattiva ventilazione e della formazione di vuoto.

Possono capitare difetti con i tergicristalli: al posto di spruzzare liquido sul parabrezza, questo viene spruzzato sul lunotto. Il “fenomeno” è comune anche ad altre vetture della marchio Renault. Il motivo è il blocco della valvola di commutazione del flusso. La valvola si trova nel motorino elettrico. La pulizia può risolvere il problema per un certo periodo, ma meglio sostituire direttamente il motorino.

 

Approfondimento Motori e loro Problemi

Lista motorizzazioni diesel :

Motore Potenza Velocità massima Accelerazione Consumo
1.5 l dCi [K9K] 110 cv 192 km/h 12.1 s 5.2 l/100 km
2.0 l dCi [M9R] 130 cv 204 km/h 10.6 s 6.5 l/100 km
2.0 l dCi [M9R] 150 cv 210 km/h 9.5 s 6.3 l/100 km
2.0 l dCi [M9R] 175 cv 220 km/h 8.7 s 6.9 l/100 km
2.0 l dCi Aut. [M9R] 173 cv 220 km/h 9.6 s 6.0 l/100 km
2.0 l dCi [M9R] 180 cv 222 km/h 8.5 s 6.9 l/100 km
3.0 l dCi V6 [V9X] 235 cv 235 km/h 7.7 s 8.2 l/100 km

Lista motorizzazioni benzina :

Motore Potenza Velocità massima Accelerazione Consumo
1.6 l 16v [K4M] 110 cv 192 km/h 11.7 s 8.4 l/100 km
2.0 l 16v [M4R] 140 cv 210 km/h 9.1 s 8.3 l/100 km
2.0 l TCe [F4R-t] 170 cv 220 km/h 9.2 s 9.8 l/100 km
2.0 l TCe [F4R-t] 205 cv 232 km/h 7.8 s 8.8 l/100 km
3.5 l V6 [V4Y / VQ35DE] 240 cv 245 km/h 7.4 s 10.8 l/100 km

problemi dei motori benzina, gpl e diesel montati su Renault Laguna 3 III

Motori diesel

Motore 1.5 l dCi [K9K]

Molto popolare e diffuso sul mercato europeo è il motore 1.5 dCi in diverse versioni di potenza. Proprio per questo abbiamo dedicato un articolo separato di approfondimento che consiglio caldamente di leggere: Motore 1.5 l dCi/BluedCi [K9K/OM607/OM608] Approfondimento, Problemi, Difetti e Versioni

Qui invece vediamo un riassunto.

Tra le varie versioni cambiano sostanzialmente la pressione della turbina e il sistema di iniezione. Questo motore non è tra i migliori in assoluto ed è abbastanza problematico per certi aspetti, ma con il giusto trattamento può vivere per tanti chilometri.

In generale si possono incontrare sistemi di iniezione Delphi, Bosch e Siemens. Sulla Renault Laguna 3 però c’è solo il sistema Siemens (Continental) visto che non esistono versioni deboli del motore (quelle che montato Delphi e Bosch).

Il sistema di alimentazione prodotto da Siemens (che si trova anche con il nome Continental) è affidabile, ma la sua riparazione costa tanti soldi. Solo gli iniettori piezoelettrici sono sensibilmente più costosi.

 

Il problema più famoso è forse quello delle bronzine. Accade soprattutto con i motori nei quali l’olio viene cambiato ogni 30.000 km. Meglio diminuire l’intervallo di sostituzione dell’olio fino a 10.000 km e il rischio diventerà molto più piccolo. Si verificano anche casi di graffi sulle pareti dei cilindri, specialmente sui motori che hanno subito aumenti di potenza da centralina. Bisogna essere molto attenti anche alla scelta dell’olio utilizzato per allungare la vita al motore.

Per non avere problemi, è consigliabile cambiare insieme alla distribuzione anche le bronzine (specialmente se non si conoscono con certezza gli intervalli di sostituzione dell’olio o se questi sono stati grandi).

Molto raramente questi motori si guastano a causa di una caduta di pressione nel sistema di lubrificazione. Ciò è dovuto alla valvola del filtro dell’olio e alla molla della valvola di riduzione di pressione della pompa dell’olio.

Ci possono essere problemi con la valvola EGR che si sporca e smette di funzionare. Anche il filtro antiparticolato può dare problemi se la macchina subisce un utilizzo prevalentemente urbano.

E’ sconsigliato utilizzare olio SAE30. Meglio optare per SAE40 o addirittura SAE50 ( specialmente in estate ). Le sostituzioni dell’olio devono essere fatte massimo ogni 10.000 km. Inoltre, bisogna controllare regolarmente la pressione dell’olio. Sia il filtro aria che il filtro gasolio devono essere cambiati spesso ( massimo ogni 20.000 km ).

I punti forti del 1.5 dCi sono il consumo molto ridotto e le buone potenze per la sua cilindrata. Facendo attenzione ai punti deboli si può arrivare senza problemi a 250 – 300.000 km.

Se l’argomento vi ha incuriosito, ricordiamo di leggere l’approfondimento sul motore 1.5 l dCi K9K.

articoli di approfondimento su diversi argomenti di tematica automobilistica

 

Motore 2.0 l dCi [M9R]

Il motore 2.0 l dCi è un progetto comune di Renault e Nissan. Possiamo dire che questa collaborazione ha fatto nascere un’ottimo motore diesel. Sulla Renault Laguna 3 viene montata la prima generazione di questo motore. Ha il blocco in ghisa, il sistema di iniezione Common Rail (Bosch) con iniettori piezoelettrici, la turbina con geometria variabile e la catena di distribuzione. La durata della catena generalmente è di almeno 150 – 200.000 km, ma può arrivare anche a 300.000 km sulle versioni più deboli.

La maggior quantità di critiche ha ricevuto l’impianto di iniezione Bosch. Questo a causa degli iniettori che si rivelano non troppo resistenti, richiedono gasolio di alta qualità e sono difficili da riparare. Problemi aggiuntivi sono causati dai regolatori di pressione poco affidabili. I sintomi di problemi sono difficoltà di accensione e minimo instabile. Comunque sia, in buone condizioni gli iniettori vivono 200 – 250.000 km.

Tutte le versioni di questi motori diesel sono dotate di affidabili turbine Garrett, ma possono comunque comparire difetti. Di solito cede il sistema a vuoto, il sensore di pressione o si blocca il sistema di variazione della geometria.

 

Non vivono molto la valvola EGR e il filtro antiparticolato. I primi problemi con tutti questi elementi possono comparire già a 150.000 km se si fa un utilizzo prevalentemente urbano e se si utilizza carburante di bassa qualità. In condizioni più favorevoli, non dovrebbero esserci problemi prima dei 200.000 km.

Alcune volte potrebbe avere problemi con il sistema di pulizia dei gas di scarico. L’ammortizzatore della puleggia dell’albero motore prima o poi si usura.

Raramente si incontrano problemi con la pompa olio che perde prestazioni. Come conseguenza si ha la morte delle bronzine. C’è da specificare che succede molto più raramente rispetto agli altri diesel Renault e capita prevalentemente sui motori che subiscono rare sostituzioni dell’olio.

In generale però il motore dovrebbe servirvi a lungo termine senza provocare mal di testa. La turbina vive circa 300.000 km e il motore può arrivare a 400.000 km prima di necessitare grandi interventi.

 

Motore 3.0 l dCi [V9X]

Il motore 3.0 l dCi V9X si è prodotto dal 2008 al 2015 e si è montato prevalentemente su Infiniti, ma si incontra anche su alcuni modelli Renault e Nissan. La produzione è stata terminata perché il motore non riesce a rispettare le normative Euro 6.

Pur mantenendo dei consumi razionali, il motore riesce ad offrire prestazioni molto buone. In più, il motore si è rivelato abbastanza silenzioso.

Con una guida attiva le catene di distribuzione si possono allungare già a 100-150 mila chilometri. Il kit non è così costoso, ma è necessario estrarre il motore per effettuare i lavori.

Capitano problemi con le bronzine. Il motore è estremamente sensibile alla pressione del lubrificante, qualsiasi calo delle prestazioni della pompa olio può portare alla rottura delle bronzine. Ci sono stati casi in cui l’anello di tenuta del filtro dell’olio finisce direttamente nella pompa dell’olio, questa si blocca e provoca grandi danni.

 

Gli anelli raschiaolio possono usurarsi già a 100.000 km e il consumo di olio aumenterà. Ancora peggio se qualche anello di compressione si stacca e graffia la parete del cilindro.

L’intercooler ha una durata modesta e un prezzo molto alto. A volte può cominciare a perdere già a 50-70 mila km e la saldatura non lo aiuta per molto tempo.

Succede anche che il motore 3.0 l dCi V9X semplicemente non si avvia. Ci possono essere diversi motivi, un dei principali sono le penetrazioni d’aria attraverso il filtro del carburante.

Si intasa velocemente la valvola EGR. Ha il sistema di raffreddamento integrato ed è abbastanza costosa. Molto spesso non è possibile pulirla, quindi bisogna comprare un pezzo nuovo.

Da durata del motore è di circa 200 – 250.000 km.

Si possono utilizzare vari preparati ed additivi per pulire EGR , FAP e impianto di iniezione. Sarebbe bene utilizzarli ogni tanto anche prima che si abbiano problemi , appunto per evitare di averli. Alcune volte aiutano anche quando già ci sono i problemi . Eccone alcuni buoni appunto per filtro antiparticolato , valvola EGR ed impianto di iniezione (pulizia e lubrificazione):
Se avete bisogno di assistenza per accessori o ricambi auto , potete contattarci all'indirizzo autoesperienza@gmail.com

Motori benzina

Motori Renault serie K

Ci sono tanti motori Renault il cui codice comincia con la lettera “K”. Tutti i motori hanno un blocco in ghisa e 4 cilindri con camicie integrate, la testa del blocco è in alluminio. Le varie versioni dei motori possono differenziarsi per il numero di alberi a camme, il numero di valvole (otto o sedici) e la presenza o meno dei compensatori idraulici.

I motori della famiglia K sono affidabili e solo un’atteggiamento scorretto da parte del proprietario può portare a seri problemi. È necessario cambiare la cinghia di distribuzione ogni 60 mila chilometri, altrimenti la sua rottura porterà allo scontro di pistoni e valvole. Ovviamente la riparazione sarà molto costosa, in alcuni casi ha più senso comprare un motore usato. Insieme alla distribuzione sarà meglio sostituire anche la pompa.

Come la maggior parte dei motori francesi, i motori della famiglia K possono perdere olio attraverso guarnizioni e tenute. E’ importante controllare sempre il livello dell’olio.

La durata della puleggia è di circa 100 mila chilometri, quindi si consiglia di cambiarla parallelamente alla seconda sostituzione della cinghia di distribuzione.

In generale, i motori della serie K4, se trattati correttamente riescono ad arrivare anche a 300.000 km prima di avere problemi davvero gravi.

 

Motore 1.6 l [K4M]

Tra i motori a benzina di Renault Laguna III, uno dei più affidabili è il vecchio 1.6 16v K4M. E’ un motore ben conosciuto che si monta su tanti modelli del marchio.

Su questi motori sono non sono troppo affidabili i regolatori di fase che richiederanno costi aggiuntivi ogni 100.000 km. L’usura del variatore di fase non porta solo una perdita di olio, ma questo olio può anche finire sulla cinghia di distribuzione, che in una situazione del genere non durerà a lungo. A proposito, anche la cinghia dei servizi deve essere monitorata, questa si potrebbe avvolgere sulla puleggia. Se questo succede, la cinghia di distribuzione slitta. La sostituzione del variatore di fase non è troppo costosa, meglio non tardare.

Ci sono stati casi in cui il motore 1.6 l benzina aveva un minimo molto instabile. Il produttore ha riconosciuto il difetto e ha dato la colpa ad un errore nel software di gestione della centralina motore. Può essere anche colpa della condensa nel serbatoio oppure della sporcizia nella valvola a farfalla.

Tutti i motori della serie K4 utilizzano una serie di sensori che possono portare a svariati problemi. Questi sono più frequenti sul motore 1.4 l K4J(non montato su questa macchina), ma possono capitare anche sul 1.6 K4M.

 

Il sensore dell’albero motore si trova appena sotto l’alloggiamento del termostato e i suoi problemi principali possono essere: guasto completo oppure cavi rotti o mancanza di contatto. I sintomi di problemi con il sensore albero motore sono il minimo instabile e funzionamento instabile del motore.

Possono esserci anche problemi al regolatore del minimo. Il dispositivo controlla il minimo del motore. Il regolatore chiude / apre il foro nel corpo farfallato attraverso il quale viene fornita aria alle camere di aspirazione e di combustione. Se il regolatore si guasta, il minimo diventa instabile e il motore potrebbe persino arrestarsi.

Capitano malfunzionamenti del sensore di pressione assoluta. Questo raccoglie informazioni sulla pressione di aspirazione, determinando così il carico sul motore, ovvero la quantità di aria che attraversa. Questo aiuta la centralina a calcolare la quantità di carburante da iniettare. Il guasto del sensore porta a un funzionamento instabile del motore o problemi di avviamento.

Possono esserci problemi anche con la valvola a farfalla. Sul retro possono formarsi depositi di fuliggine e sporco, a causa dei quali questa si blocca o diventa parzialmente impossibile il suo libero movimento. Di conseguenza, il minimo è instabile e ci sono anche altri difetti. Generalmente non si arriva a guai seri.

Le bobine di accensione generalmente non vivono più di 50 – 60.000 km. Per il resto non ha particolari problemi.

 

Motore 2.0 l [M4R]

Il motore aspirato 2.0 l con codice M4R proviene da Nissan e utilizza una distribuzione a catena. La catena è affidabile, ma ha una durata non troppo lunga : circa 120 – 150.000 km.

Un grave svantaggio è il rischio di rottura della testata a causa dello scorretto montaggio delle candele (non bisogna stringere troppo). In generale, la manutenzione di questo motore richiede un buon livello di preparazione e non pochi sforzi.

Per il resto però, questo motore può essere considerato un esempio di grande affidabilità. La durata del motore è stabile (almeno 250.000 km con una manutenzione corretta), il sistema di controllo è affidabile. Visto che la testata è in alluminio e ha paura dei surriscaldamenti, meglio tenere l’impianto di raffreddamento pulito (potrebbero essere necessari periodici lavaggi).

 

Su molti motori è presente il consumo d’olio. Generalmente è colpa dei residui accumulati sulle fascette elastiche e si risolve con una pulizia. Per la pulizia bisogna seguire una determinata procedura e utilizzare determinanti prodotti. Per avere successo, meglio affidarsi ad un meccanico con le giuste competenze. Più raramente il consumo d’olio è causato dall’usura delle guarnizioni stelo valvola.

Vista l’assenza dei compensatori idraulici, circa ogni 100.000 km bisogna regolare le valvole. La necessità di regolare le valvole è segnalata anche dalla rumorosità del motore.

Il motore può perdere potenza per vari motivi. Per esempio può cedere il fragile debimetro, può essere colpa della valvola a farfalla sporca, iniettori sporchi o candele usurate. I problemi con il minimo instabile si risolvono semplicemente pulendo la valvola a farfalla.

I moduli di accensione si guastano relativamente spesso ed è necessario regolare gli spazi di fasatura almeno una volta ogni 60-90 mila chilometri: ciò impedirà l’usura precoce degli alberi a camme e l’aumento del rumore.

articoli di approfondimento su diversi argomenti di tematica automobilistica

 

Motori Renault serie F

I motori della serie F sono considerati abbastanza affidabili, ma questa affidabilità non è assoluta. È difficile ucciderli con lo stress o con un uso intensivo, questo è certo. Non si rompe nulla a livello globale, sono semplici nella struttura e anche abbastanza economici.

Hanno il blocco in ghisa, testata in alluminio, compensatori idraulici e cinghia di distribuzione. Generalmente richiedendo solo la manutenzione ordinaria per oltre 200 mila chilometri. Però, come al solito non sono perfetti. Questi motori possono causare molti piccoli problemi quando il chilometraggio passa oltre 150.000 km. Ovviamente la presenza di questi problemi non è obbligatoria, ma può capitare.

La principale lamentela nei loro confronti sono le numerose perdite di olio e gli elementi in gomma deboli (paraolio e guarnizioni). Sono fastidiosi anche il debole cablaggio e i malfunzionamenti del sistema di controllo.

Il sistema di ventilazione del basamento è di per se relativamente debole. Nel corso degli anni la quantità di gas del basamento aumenta, il sistema si sporca e per riprendere le sue prestazioni è necessario un restauro e una pulizia di alta qualità. Poche persone fanno questo lavoro e quindi potrebbe comparire un grande consumo d’olio. Generalmente questo succede a grandi chilometraggi.

Vibrazioni e giri instabili possono essere causati da malfunzionamenti del sistema di accensione, regolatore di fase usurato, o guarnizioni del collettore di aspirazione rovinate. Anche questi difetti si presentano a grandi chilometraggi.

 

Motore 2.0 l Turbo [F4R-t]

Il motore turbo benzina da 2 litri con codice F4Rt offre ottime prestazioni ed è abbastanza affidabile. E’ diverso dalla versione aspirata (qui non montata): prima di tutto non ha regolatori di fase, ha una temperatura di funzionamento leggermente inferiore e il gruppo pistoni è più resistente.

E’ un motore che non dovrebbe dare particolari problemi se viene trattato correttamente. Le sostituzioni dell’olio devono essere effettuate massimo ogni 10.000 km. E’ necessario monitorare meglio le condizioni della cinghia di distribuzione, qui è più caricata e c’è più rischio di rottura: l’intervallo di sostituzione deve essere ridotto da 120 mila a 60 o addirittura 50 mila chilometri.

Le turbine Mitsubishi TD04 usate sono molto affidabili, durano generalmente per più di 200 mila chilometri.

Anche se lo abbiamo definito affidabile, alcuni punti deboli ci sono comunque. I più frequenti sono: consumo d’oliominimo instabile ( generalmente a causa della valvola a farfalla sporca ), bobine accensione deboli, regolatore di fase che può cedere a circa 60 – 90.000 km.

Tra i difetti più gravi, possiamo incontrare su alcuni esemplari pistoni e valvole bruciate. Dopo circa 100.000 km su alcuni motori potrebbe necessitare la sostituzione il paraolio posteriore dell’albero motore (comincia a perdere olio) e il sensore di posizione dell’albero motore.

 

Motore 3.5 l V6 [V4Y / VQ35DE]

Il motore 3.5 l V6 porta il codice V4Y su Renault e VQ35DE su Nissan. E’ un motore di produzione Nissan destinato alle auto di alto livello, si può incontrare spesso su Infiniti (brand premiale di Nissan).

Questo è un motore con blocco in alluminio, una coppia di teste DOHC (doppio albero a camme) e catena di distribuzione. Gli alberi a camme di aspirazione sono dotati di un sistema di fasatura variabile delle valvole CVTCS. Tra le particolarità del motore abbiamo: collettore di aspirazione in nylon, bielle e albero motore forgiati, rivestimento in molibdeno dei pistoni e altro.

I compensatori idraulici non ci sono e le valvole devono essere controllate e regolate periodicamente. Generalmente è necessario effettuare i lavori ogni 100,000 km. La catena distribuzione dovrebbe durare circa 200 – 250.000 km.

UTILE ! € ⇒ Se vuoi imparare a guadagnare di più per poter mantenere in buono stato la propria auto o magari per comprare la macchina dei tuoi sogni, ti consigliamo di imparare a farlo su vitaideale.com. Con i loro consigli la tua vita migliorerà !

 

E’ un motore affidabile, ma può avere alcuni difetti.

La durata del motore è grande, ma si incontra spesso il consumo d’olio. Il motivo sono gli accumuli di residui(sporcizia) causati dai lunghi funzionamenti a bassi giri (per esempio nel traffico intenso), o i graffi sulle pareti dei cilindri causati dalle particelle di catalizzatori che si distruggono.

Un altro punto debole sono le guarnizioni dei canali dell’olio sotto il coperchio anteriore. Con il tempo cedono, la pressione cala, compaiono errori con i regolatori di fase. Se non si interviene per molto tempo, il livello dell’olio può scendere troppo e diventare critico.

Il sistema di raffreddamento non è ben pensato e a causa di questo soffrono il quinto e il sesto cilindro. Questi si possono surriscaldare portando ad un’usura abbastanza rapida delle guarnizioni del coperchio delle valvole e a penetrazioni di olio nei pozzetti delle candele.

La Renault Laguna III con questo motore accelera bene. La durata dichiarata del motore è di 300.000 km, ma se trattato bene arriva anche a 400.000 km.

 

Conclusioni

La Renault aveva impostato grandi obbiettivi per la terza generazione di Renault Laguna, doveva posizionarsi nel TOP 3 in termini di qualità nella sua categoria. Sfortunatamente l’obbiettivo non è stato raggiunto. La colpa è stata data al design e alla cattiva reputazione che la precedente generazione ha ottenuto in gioventù.

Renault Laguna 3 è senza dubbio una buona macchina, ma ha delle imperfezioni che non le permettono di essere una delle migliori. Il buon prezzo a cui può essere acquistata sul mercato dell’usato la rende interessante. Se scelta nella versione giusta, se mantenuta correttamente può avere una grande affidabilità e dare molte piacevoli emozioni.

Prima di un eventuale acquisto o anche semplicemente nell'utilizzo quotidiano è utile controllare se non ci sono problemi o errori . Per vedere tutti gli errori e problemi segnalati nelle varie centraline , potete utilizzare un semplice dispositivo di diagnostica. Eccone uno buono :

Potete valutare anche i concorrenti della Renault Laguna III: Citroen C5, Peugeot 407 , Peugeot 508 , Volkswagen Passat ,  BMW Serie 3 E90 , Mercedes-Benz Classe C W204 , Audi A4 B8 , Skoda Superb ,  Hyundai i40 , Ford Mondeo , Opel Insignia , Volvo S60 II , Mazda 6 II (GH), Kia Optima , Toyota Avensis III , Volvo V80 II , Volvo XC70 , Alfa Romeo 159 e altre auto simili.

La cosa più importante è trovare un esemplare in buono stato generale e per fare questo consiglio di leggere la nostra dettagliata guida : vedi come scegliere una buona auto usata

Potrebbe interessarti anche :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *