Seat Leon 2 II 1P (2005-2012) tutti i problemi e le informazioni

La Seat per molto tempo non riusci a decidersi e creare uno proprio stile. All’inizio copiava le auto di produzione Fiat e dal 1986 ha cominciato a copiare quelle Volkswagen. Molto probabilmente la situazione non sarebbe cambiata anche fino al giorno d’oggi se non fosse iniziata la collaborazione con il designer Walter de Silva. Cosi nel 2005 è arrivato sul mercato la Seat Leon 2 II con la parte tecnica tedesca e il design spagnolo.  Questa macchina ha dimostrato che sulla base della Volkswagen Golf V  “noiosa” si può creare un’auto dal design sportivo e dal prezzo accettabile. Nel 2009 l’auto ha subito un restyling.

seat leon 2 ii 1p fr cupra tgi sw st 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 restyling anno problemi usato usata comprare difetti affidabilità acquisto carrozzeria paraurti luci fari fanali specchietti vetri portiere ruote gomme cerchi cerchioni motore diesel benzina gas gpl metano gasolio tdi tsi tfsi vw 1.4 1.6 1.8 1.9 2.0 bluetec testata guarnizione pompa olio iniettori interni plancia volante radio multimedia sedili spazio bagagliaio consumi prezzi riparazioni sterzo sospensioni elettronica cambio manuale automatico distribuzione frizione filtro dpf fap olio freni caratteristiche sensori alzacristalli turbina climatizzatore condizionatore compressore accessori optional xeno bagagliaio lampadine radiatore fari pastiglie chiusura centralizzata alternatore accessori allestimenti chilometri navigatore prezzi

 

 

Indice

Impressioni

Nonostante il design bello e il prezzo molto più basso  , Seat Leon 2 II non è riuscito a superare il suo fratello VW Golf V.  Le Seat Leon 2 II prodotte sono state solo un terzo rispetto alle Golf V.

Seat Leon 2 II viene proposto in un solo tipo di carrozzeria – Hatchback a 5 porte. Grazie alle maniglie posteriori nascoste , a prima vista la Seat Leon 2 II sembra una hatchback a 3 porte e questo ha il suo fascino .

La macchina esteticamente è abbastanza bella , specialmente nelle versioni più accessoriate. Però si può sempre migliorare e personalizzare. Un buon metodo è cambiare i cerchioni e per questo abbiamo un articolo che spiega tutto quello che c’è da sapere sui cerchioni

La qualità di assemblaggio della carrozzeria e la combinazione degli elementi  sono di alto livello. Attirano l’attenzione le soglie abbastanza massive , le portiere abbastanza grandi e il loro suono piacevole durante la chiusura. Grazie a questi dettagli si sente la presenza di una buona qualità generale dell’auto.

La carrozzeria è completamente costruita in acciaio inossidabile di diverse resistenze.

Nel test di sicurezza EuroNCAP , la Seat Leon 2 ha ottenuto 4 stelle su 5 . La sicurezza in caso di incidente è abbastanza buona , ma per diminuire il rischio è bene avere dei buoni pneumatici. I pneumatici sono quasi la cosa più importante per la sicurezza in viaggio. Consiglio di leggere l’articolo che spiega tutto quello che c’è da sapere sulle gomme e pneumatici

 

seat leon 2 ii 1p fr cupra tgi sw st 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 restyling anno problemi usato usata comprare difetti affidabilità acquisto carrozzeria paraurti luci fari fanali specchietti vetri portiere ruote gomme cerchi cerchioni motore diesel benzina gas gpl metano gasolio tdi tsi tfsi vw 1.4 1.6 1.8 1.9 2.0 bluetec testata guarnizione pompa olio iniettori interni plancia volante radio multimedia sedili spazio bagagliaio consumi prezzi riparazioni sterzo sospensioni elettronica cambio manuale automatico distribuzione frizione filtro dpf fap olio freni caratteristiche sensori alzacristalli turbina climatizzatore condizionatore compressore accessori optional xeno bagagliaio lampadine radiatore fari pastiglie chiusura centralizzata alternatore accessori allestimenti chilometri navigatore prezzi

Anche gli interni sono fatti in uno stile sportivo. Il panello centrale è fatto di materiali duri. Tutte le versioni hanno un quadro con tutti gli indicatori a forma di cerchio e  nel centro c’è il contatore di giri. Il panello centrale potrebbe sembrare brutto sulle versioni pre-restyling a causa dei grandi spazi di plastica vuoti. Nelle versioni restyling il difetto è stato parzialmente risolto riempendo di più gli spazi.

Se volete aggiungere più confort e più modernizzazione potete leggere la seguente guida :

vedi come rendere la macchina più comoda , piacevole , moderna e pratica

Affidabilità

L’elettronica della Seat Leon 2 II non dovrebbe dare gravi problemi.

Sospensioni

Le sospensioni della Seat Leon 2 II sono uno dei suoi punti forti. Garantiscono un buon controllo su strada e nello stesso momento sono affidabili ed economiche nella manutenzione. Grande parte degli elementi sono interscambiabili con quelli della Volkswagen Golf V.

Sull’asse anteriore il produttore ha deciso di montare le famose McPherson che sono molto affidabili ed efficienti. La strutture delle leve permette di cambiare i cuscinetti a sfera singolarmente e in questo modo si risparmia molto .

Le sospensioni posteriori sono ti tipo indipendente. Per ogni ruota posteriore ci sono 3 leve. Tutto il sistema si collega alla culla. Nonostante la complessità delle sospensioni posteriori quest’ultime sono abbastanza longevi.

Sull’asse posteriore c’è anche la possibilità di regolare la convergenza. Prima dell’acquisto di una Seat Leon 2 II usata consigliamo di andare in un’officina e controllare bene le sospensioni per non avere brutte sorprese.

Cambio

Con i cambi manuali della Seat Leon 2 II non ci sono particolari problemi . Il cambio automatico robotizzato DSG invece è fonte di numerosi problemi.

vedi la differenza tra i vari tipi di cambio automatico

DSG è un cambio robotizzato a due frizioni. Quando il cambio è in buono stato , offre senza dubbio sensazioni molto piacevoli. E’ veloce , contribuisce all’economia di carburante ed è confortevole. E’ un cambio molto diffuso e utilizzato su molti automobili del gruppo Volkswagen.  Le sensazioni piacevoli spariscono già dopo i 100.000 km quando si comincia a rompere il DSG. Già da questo momento potrebbe richiedere investimenti che potrebbero superare 1000-2000 euro. Inoltre nel traffico intenso il cambio si potrebbe surriscaldare e cominciare a dare colpi. Una delle modalità per allungare la vita del cambio è cambiare l’olio almeno ogni 60.000 km. Per sapere altre informazioni sul cambio DSG potete leggere anche i nostri articoli legati alle Volkswagen e Audi .

vedi come utilizzare correttamente un cambio automatico robotizzato

Approfondimento motori

I motori a benzina sono:

  • 1.2 TSI – potenza  : 110 cv , accelerazione  : 10.9 s , velocità max : 187 km/h , consumo : 16.9 km/l
  • 1.4 – potenza  : 85 cv , accelerazione  : 14.1 s , velocità max : 172 km/h , consumo : 15.1 km/l
  • 1.4 TSI – potenza  : 125 cv , accelerazione  : 9.8 s , velocità max : 197 km/h , consumo : 15.5 km/l
  • 1.6 – potenza  : 102 cv , accelerazione  : 11.7 s , velocità max : 184 km/h , consumo : 13.2 km/l
  • 1.8 TSI – potenza  : 160 cv , accelerazione  : 7.8 s , velocità max : 213 km/h , consumo : 14.5 km/l
  • 2.0 FSI – potenza  : 150 cv , accelerazione  : 8.8 s , velocità max : 210 km/h , consumo : 11.5 km/l
  • 2.0 TFSI  FR – potenza  : 200 cv , accelerazione  : 6.9 s , velocità max : 233 km/h , consumo : 12.8 km/l
  • 2.0 TFSI Cupra – potenza  : 241 cv , accelerazione  : 6.4 s , velocità max : 247 km/h , consumo : 11.8 km/l
  • 2.0 TFSI Cupra R – potenza  : 265 cv , accelerazione  : 6.2 s , velocità max : 250 km/h , consumo : 11.8 km/l

I motori diesel sono :

  • 1.6 TDI – potenza  : 90 cv , accelerazione  : 11.5 s , velocità max : 180 km/h , consumo : 23.2 km/l
  • 1.6 TDI CR – potenza  : 105 cv , accelerazione  : 11.7 s , velocità max : 185 km/h , consumo : 23.1 km/l
  • 1.9 TDI – potenza  : 90 cv , accelerazione  : 13.3 s , velocità max : 174 km/h , consumo : 19.0 km/l
  • 1.9 TDI – potenza  : 105 cv , accelerazione  : 11.3 s , velocità max : 185 km/h , consumo : 19.3 km/l
  • 2.0 TDI – potenza  : 140 cv , accelerazione  : 9.3 s , velocità max : 205 km/h , consumo : 16.7 km/l
  • 2.0 TDI – potenza  : 170 cv , accelerazione  : 8.2 s , velocità max : 214 km/h , consumo : 18.0 km/l

Tra i motori a benzina il più affidabile e longevo è il 1.6 aspirato. E’ un motore molto semplice e facile da riparare. Questi motori resistono bene anche all’installazione di impianti a gas con iniezione sequenziale.

Si è presentato bene anche il 1.4 benzina aspirato. Consuma poco, è affidabile , richiede pochi investimenti e generalmente le Seat Leon 2 II con questo motore costano molto poco.

I motori con iniezione diretta FSI sono più potenti a parità di cilindrata.  Uno tra i più diffusi è il 2.0 FSI da 150 cv ( FSI – Fuel Straight Injection  – Iniezione Diretta del Carburante) . In comparazione con altri motori FSI del gruppo Volkswagen , è abbastanza affidabile e longevo. Ma , ha anche lui i suoi problemi. Per esempio su quasi tutti i motori si presentano problemi con la fasatura variabile.

Aggiungendo una turbina al 2.0 FSI hanno ottenuto il motore 2.0 TFSI che potrebbe avere dopo tanti chilometri problemi anche con la turbina.

Il motore 1.8 TSI è il motore su cui Volkswagen sperimenta sempre le nuove tecnologie. Come i suoi fratelli più grandi 2.0 FSI e 2.0 TFSI , anche questo motore ha l’iniezione diretta  , ma al posto della cinghia ha la catena di distribuzione. La nuova catena lunga , detta anche catena dentata , mette in funzione entrambi gli alberi a camme. La catena corta mette in funzione la pompa olio. Sulla base di questo motore è stato creato anche il 2.0 TSI da non confondere con gli altri 2.0 FSI e 2.0 TFSI.

ATTENZIONE ! In teoria la catena di distribuzione non ha bisogno di essere cambiata , ma in realtà non è cosi. Ogni tanto conviene controllarla e in casi di usura si deve cambiare in modo da evitare rottura degli elementi ad essa collegati.

Sui motori TSI si verificano spesso problemi con il sensore di posizione dell’albero motore.

I motori diesel di produzione Volkswagen montati sulla Seat Leon 2 II sono tutti economici e abbastanza dinamici.

Il motore 1.9 TDI PD non è meno affidabile del motore 1.6 benzina. Quindi è molto longevo e non darà particolari problemi. Questo motore però è considerato ormai vecchio e quindi quando la Seat Leon 2 II era nuova spesso si preferiva montare il motore 2.0 TDI PD ( stessa storia anche per le Audi A3 8p e Volkswagen Golf V).

La potenza e il basso consumo del 2.0 TDI fanno impressione , ma sfortunatamente questo motore è poco affidabile . Oltretutto è anche relativamente rumoroso e questo può infastidire. Oltre all’inaffidabilità si aggiungono anche i grandi prezzi dei ricambi e dei lavori nelle officine. E’ molto probabile che sugli esemplari con questo motore ci saranno problemi con gli iniettori che saranno da riparare o sostituire che sono molto più cari di quelli del fratello 1.9 TDI. Il secondo problema molto diffuso è la testata del motore che si crepa e quindi sarà da sostituire pagando grandi somme di denaro. C’è da dire però che bisogna distinguere i motori 2.0 TDI PD ( iniettori pompa ) e 2.0 TDI CR ( common rail ). Dopo il restyling si montava la versione CR sulla quale sono stati risolti i problemi.

I motori 1.6 TDI derivano dal 2.0 TDI CR e non sono problematici. Solo nei primi anni di produzione di questi motori si verificavano alcuni problemi con gli iniettori che poi sono stati risolti.

Conclusioni

Seat Leon II potrebbe non essere cosi pratico come la Skoda Octavia 2 II , non cosi popolare come la Volkswagen Golf V e non cosi prestigioso come l’Audi A3 8P . Ma, non dimenticatevi che queste 4 macchine sono uguali a livello tecnico. Quindi comprando una Seat Leon 2 II avrete una macchina molto buona tecnicamente e ad un prezzo molto conveniente.

Evitate le versioni con i motori complicati a benzina e con cambio automatico robotizzato DSG. Le altre non dovrebbero dare particolari problemi.

Potete valutare anche i concorrenti : Volkswagen Golf 5 , Volkswagen Golf 6 , Ford Focus 2 , Mazda 3 , Opel Astra H , Opel Astra J , Renault Megane 3 , Audi A3 , Audi TT , Kia Cee’d  , Hyundai i30 , Toyota Auris , Volvo C30 , Volvo S40 , Volvo V50 , Alfa Romeo Giulietta , Alfa Romeo 147   .

Ma , la cosa più importante è trovare un esemplare in buono stato generale e per fare questo consigliamo la nostra guida :

vedi come scegliere una buona auto usata

Condividi :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *