Mantenere in buono stato auto usata appena comprata

Avete appena comprato una nuova auto usata ? Allora dovete sapere dei consigli assolutamente da seguire per godervela. Questi consigli valono anche per quelli che possiedono una macchina da più tempo. Se invece non lo avete ancora fatto, potete consultare le nostre guide per farlo correttamente:

Guarda come scegliere una buona macchina usata

Guarda come controllare una macchina usata sul posto nel momento dell’acquisto 

Se hai comprato l’auto seguendo le nostre guide , dovresti avere ancora dei soldi di riserva che adesso potrai usare per portarla all’ideale.

Indice

proprietario felice auto auto appena comprata manutenzione cura tagliando

Assicurazione e Bollo

La prima cosa da fare per poter cominciare a circolare è l’acquisto di una polizza assicurativa. Si può optare per una semplice RCA (Responsabilità Civile Auto) che è obbligatorio, ma si può anche scegliere un’assicurazione più vasta che può coprire anche le spese in caso di furto, incendio, atti di vandalismo, danni ai cristalli e molto altro. Alcune assicurazioni comprendono nel prezzo anche il costo del carro attrezzi se questo sarà necessario durante il periodo di assicurazione.

Il prezzo dell’assicurazione dipende da molti fattori tra cui il tipo di auto, l’età del conducente, numero di anni dall’ottenimento della patente, numero di incidenti precedenti e altro. Bisogna optare per una buona compagnia assicurativa con la quale non ci saranno problemi in caso di incidenti e che può offrire un prezzo ragionevole per la sua polizza.

E’ importante ricordarsi di controllare anche la data in cui bisogna pagare il bollo auto per la propria auto. Generalmente è la stessa della prima immatricolazione.

 

 

Diagnostica e Controllo generale

Dopo i costi obbligatori fino a qui elencati , ci sono delle spese da noi caldamente consigliate. Se volete avere meno problemi possibili in futuro con la vostra macchina , meglio non risparmiare su una piccola manutenzione immediata.

Consiglio di andare in officina e fare una diagnostica dell’auto sia con il computer che un giro generale dell’auto da parte di un meccanico esperto ( se non lo avete già fatto durante il controllo dell’auto prima dell’acquisto).

Dopo il giro della macchina, quasi sempre il meccanico trova degli elementi delle sospensioni usurati. Generalmente si tratta di vari elementi in gomma che cominciano a creparsi. Non è ragionevole sostituire tutti tutto, bisogna capire se l’usura è critica o se si può ancora circolare senza pericolo.

Non si deve risparmiare sulle protezioni dei vari elementi della trasmissione ( per esempio quelle dei giunti omocinetici ) perché la penetrazione di sporcizia e la perdita di lubrificazione possono rovinarli e comportare dei costi di riparazioni più grandi.

Si può anche avere un dispositivo personale per la diagnostica degli errori.

Prima di un eventuale acquisto o anche semplicemente nell'utilizzo quotidiano è utile controllare se non ci sono problemi o errori . Per vedere tutti gli errori e problemi segnalati nelle varie centraline , potete utilizzare un semplice dispositivo di diagnostica. Eccone uno buono :

 

Sostituzione Olio e Filtri

Quando sarete a conoscenza di tutti i problemi della macchina potrete definire le priorità,

Se non ci sono gravi problemi che possono ostacolare l’utilizzo della macchina, consiglio per prima cosa di cambiare l’olio nel motore, olio nel cambio e olio nei differenziali (e altri elementi della trasmissione come potrebbero essere i giunti su auto con trazione integrale ).

Queste procedure raramente vengono effettuate correttamente dai proprietari. La maggior parte degli autisti segue i consigli del produttore che non sempre sono giusti. Pensate che alcuni produttori consigliano la sostituzione dell’olio motore ogni 30.000 km ( o addirittura 50.000 km ). Questi intervalli sono impensabili se si vuole garantire la massima durata del propulsore.

Stesso problema riguarda i cambi e gli elementi della trasmissione. Molti dei produttori dicono che l’olio nel cambio e negli elementi della trasmissione non deve essere sostituito. Ovviamente si sbagliano, nessun olio è eterno e nel tempo perde le proprie caratteristiche.

L’olio deve essere sostituito sia nel cambio manuale che in quelli robotizzati e automatici. Su questo argomento ci sono anche contraddizioni tra produttori di auto e produttori di cambi automatici. Per esempio il produttore di cambi automatici ZF vende i propri prodotti a marchi come Audi, Volkswagen, BMW e molti altri. La parte interessante è che ZF consiglia una sostituzione periodica dell’olio nei propri cambi, ma il produttore di auto, montando lo stesso cambio può affermare che la sostituzione non è necessaria.

E’ ovvio che si tratta di marketing e altri interessi dei produttori d’auto. La verità è che l’olio è molto importante per una lunga vita e la sua sostituzione è indispensabile.

Già dall’inizio è meglio cambiare l’olio del motore ogni 10.000 km e questo diventa sempre più importante con l’aumentare del chilometraggio. Questa procedura allungherà molto la vita del motore , della turbina e di molti altri componenti del motore.

Nei cambi manuali la sostituzione dell’olio è consigliabile almeno ogni 100.000 km ( meglio se più spesso ). Nei cambi automatici e quelli robotizzati è consigliabile una sostituzione dell’olio almeno ogni 50 – 60.000 km e su alcuni modelli bisogna farlo anche più spesso.

Per quanto riguarda l’olio del cambio automatico , se avete passato i 150.000 km e l’olio non è mai stato cambiato, bisogna stare molto attenti perché cambiandolo in maniera scorretta adesso potreste rovinare del tutto il cambio. Se decidete comunque di cambiarlo, meglio farlo con un completo lavaggio e pulizia dei residui dell’olio vecchio.

Per gli elementi della trasmissione dipende molto ed sarà più giusto vedere ogni modello di auto in parte.

 

 

cambio olio motore proprietario felice auto auto appena comprata manutenzione cura tagliando

Manutenzione Impianto di Raffreddamento e Sterzo

I proprietari di auto usate di dimenticano molto spesso di aspetti molto importanti come l’impianto di raffreddamento e quello dello sterzo. Quest’ultimo ha bisogno di attenzione generalmente solo se è dotato di servosterzo idraulico o elettro-idraulico. Se lo servosterzo è completamente elettrico, la situazione è più semplice.

Non solo la sostituzione della pompa dell’impianto di raffreddamento è importante, ma bisogna tenere d’occhio anche il liquido. Un liquido di raffreddamento in cattivo stato può provocare un’usura accelerata della pompa, può corrodere il radiatore e rovinare molti dei tubi presenti nell’impianto.

Nei casi peggiori, un liquido in cattivo stato non riesce più a raffreddare bene e può portare ad un surriscaldamento del motore con gravi conseguenze. Può succedere anche il contrario – quando le temperature sono basse, un liquido in cattivo stato si gela ( e non circola più ) e anche questo può portare ad un surriscaldamento del motore.

Sulla maggior parte dei modelli d’auto il liquido di raffreddamento deve essere sostituito completamente ogni 2 anni o 50 – 60.000 km. La parte brutta è che quasi nessuno lo fa.

Ci sono dispositivi per testare la qualità del liquido di raffreddamento.

Lo stesso vale per l’olio del servosterzo ( se questo è presente ). La durata di questo olio può essere più grande rispetto al liquido di raffreddamento e la sua sostituzione è consigliata almeno ogni 50 – 60.000 km su alcuni modelli e ogni 90 – 100.000 km su altri. Per una maggiore precisione bisogna vedere ogni macchina in parte. Ovviamente anche qui è meglio anticipare se possibile.

Un olio in cattivo stato può portare ad un’usura accelerata di diversi elementi del sistema dello sterzo. Inoltre, lo sterzo avrà un funzionamento diverso, meno prevedibile e più rischioso ( può diventare più duro o più morbido ). Lo stato dell’olio si può notare anche dal colore : l’olio fresco ha un colore rosso lampone, quello vecchio ha un colore marrone scuro.

 

Manutenzione Impianto dei Freni

Tutto quello che abbiamo detto per il liquido di raffreddamento e l’olio dello sterzo, vale anche per il liquido dei freni. Questo si deteriora nel tempo e può portare a diverse conseguenze.

Il sistema dei freni è uno dei più importanti presenti nell’automobile e il suo liquido è un elemento indispensabile. Oltre a dover controllare il livello dell’olio, bisogna stare attenti anche al suo stato. Un liquido in cattivo stato può portare ad un funzionamento scorretto del sistema dei freni e la corsa del pedale del freni si allunga pericolosamente.

Inoltre, un liquido in cattivo stato può portare all’ossidazione le parti metalliche con cui va a contatto e quindi provocare un’usura accelerata dell’intero sistema dei freni. In questo modo si rischia la rottura (cedimento) di alcuni canali e il malfunzionamento del sistema ABS.

Normalmente il liquido dei freni deve essere sostituito ogni 2 anni o 40 – 80.000 km.

Ci sono dispositivi dedicati al controllo della qualità del liquido dei freni. Potete valutare uno di questi :

 

Non sono da sottovalutare anche i dischi dei freni e le pastiglie. Questi elementi devono essere di buona qualità per dare soddisfazioni. Se sono scarsi, possono rumoreggiare, surriscaldarsi, deformarsi, frenare male e usurarsi più in fretta del normale.

 

E state attenti ad avere sempre delle buone gomme che sono indispensabili per la vostra sicurezza in viaggio. Consiglio la lettura del nostro articolo che spiega tutto ciò che dovete sapere sui pneumatici.

Abbiate cura della vostra auto e lei vi darà solo grandi soddisfazioni !

8 commenti in “Mantenere in buono stato auto usata appena comprata”

  1. Pingback:Controllare auto usata all'acquisto - Auto Esperienza

  2. Per quanto riguarda l’olio del cambio automatico , se avete passato i 150.000 km e l’olio non è mai stato cambiato , bisogna stare molto attenti perché cambiandolo adesso potreste rovinare del tutto il cambio.

    Buona sera, questo passaggio non l’ho ben compreso…consigliate, com’è giusto sia, di effettuare un mega tagliando completo appena acquistata la vettura usata, fermo restando i vari controlli…ma perché mai non includere anche il controllo e cambio dell’olio su automatico?
    Ho letto le vostre guide e mi sembrano ben fatte e complete, compresa quella sull’uso dell’automatico appunto, ma il passaggio citato non l’ho capito!

    Un caro saluto.

    1. Buongiorno Piersandro,

      Come prima cosa voglio ridire che sarebbe bene cambiare l’olio nel cambio ogni 50/70.000 km. In questo modo ci sarà sempre un olio che svolge in modo effettivo il proprio lavoro.

      Per fare chiarezza sulla questione dell’olio vecchio nel cambio posso fare un paragone con il colesterolo nel sangue. Intendo dire che , se l’olio del cambio non è stato cambiato per molto tempo comincia a perdere le sue caratteristiche e in vari posti si accumulano quantità relativamente grandi di sporcizia insieme e piccoli pezzettini di metalli venuti fuori in modo normale a causa dell’attrito tra vari componenti.
      Circa dopo i 150.000 chilometri queste quantità di sporcizia presentano un pericolo abbastanza grande. Finché c’è l’olio vecchio ( che ormai è molto denso e poco fluido) questa sporcizia rimane ferme. Quando l’olio viene cambiato con uno nuovo ( fluido e con proprietà lavative ) quest’ultimo va a spostare la sporcizia ricschiando di intasare qualche passaggio vitale per il cambio ( come il colesterolo dhe si stacca dalle pareti e poi trasportato dal sangue rischia di bloccare qualche vaso sanguigno più stretto). Quando qualche passaggio importante rimane bloccato a causa della carenza di olio il cambio si potrebbe rompere .
      Il nostro consiglio era : se ci sono stati cambi dell’olio regolari non ci saranno grandi accumuli di sporcizia e quindi potete cambiare l’olio tranquillamente anche dopo i 150.000 km , se invece è la prima volta che cambiate l’olio rischiate di rovinare la situazione, quindi dovrete smontare prima il cambio per fare una pulizia e poi rimontare tutto e mettere dentro il nuovo olio.

      Spero di essere stato chiaro, se ci sono altre domande siamo a vostra disposizione.

  3. Grazie per i consigli. Volevo sapere se il macchinario che lava il cambio aut. in pressione con additivo è sufficente premetto che la mia bmw e61 del 12/ 2005 ha 320000 km e il cambio strappa un pochino in salita.

    1. Per il lavaggio del cambio è bene affidarsi ad un centro specializzato che sa fare il lavoro per bene e offre una garanzia. Poi le procedure per garantire un buon funzionamento del cambio sono diverse.

  4. Salve,ho appena acquistato una Bmw525 touring futura x drive 218 cv del 06/2013, con 100,000 km ca.Parlo di settembre 2018, portata a casa ho fatto circa 70 km in autostrada toccando i 225 km/h.
    Strano ma vero il computer mi segnala..ASSETTO : attenzione moderare la velocità rivolgersi presso un officina autorizzata.
    Dopo un mese circa non è stata ancora individuata la causa. Officina ufficiale Bmw.
    Avete qualche suggerimento ?
    Grazie

    1. Buongiorno,

      Quel avviso è arrivato una sola volta ? Adesso la macchina sta funzionando correttamente ? In BMW non hanno trovare assolutamente nessun errore durante la diagnostica ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *